Petrolio, rischio di un crollo del prezzo storico?

petrolio

Oggi iniziamo la settimana con il prezzo del petrolio, perché sta disegnando un movimento molto interessante, che deve essere sfruttato per il trading.

Partiamo come sempre dal quadro macroeconomico. L’Opec sempre più in difficoltà, la decisione in prima battuta di non definire un prezzo fisso per tutti i produttori.

petrolio
Neanche dopo la riunione di Vienna è stato deciso nulla di nuovo:

-Nessun tetto alla produzione.
-Nessun aumento alla produzione dei singoli paesi.

Questo è un approccio davvero molto rischioso, tenuto conto anche di altri fattori molto delicati quali:

  • Iran, ha finito l’embargo e ora vuole tornare sul mercato mondiale.
  • Scorte di greggio a livello mondiale sono altissime, circa 3 miliardi di barili.

Unica spiegazione data dal presidente nigeriano, ora a capo del cartello dei produttori Opec, che anche un taglio della produzione non avrebbe inciso più di tanto, essendo la loro produzione solo il 35% di quella mondiale.

Analisi del grafico del petrolio

Ora passiamo a una analisi grafica del petrolio per capire le sue potenzialità di trading:

Ora mentre vi sto scrivendo, possiamo notare come i prezzi abbiano rotto il livello di 40, che in queste ultime sedute aveva retto molto bene. Ora quindi la situazione si fa molto delicata perché abbiamo un solo lieve baluardo a 38. In realtà i prezzi avevano in 40 il livello cardine, che non doveva essere rotto.

Si aprono quindi degli scenari e delle opportunità molto interessanti per fare trading in questi giorni, soprattutto con gli etf sul petrolio
Quindi ora la situazione si fa molto critica, perché iniziamo a non avere più riferimenti seri al ribasso e quindi i prezzi presi dalla speculazione potrebbero tranquillamente crollare al ribasso senza freni.
Quindi in questo momento dal punto di vista operativo, la nostra vision rimane strong short, perché anche se i prezzi sono bassi non ci sono delle possibilità nel breve d’inversioni di tendenza, infatti anche gli eventi esogeni di natura politica al momento sembrano aver perso d’importanza.

andamento prezzo petrolio
Quindi dal punto di vista operativo la nostra strategia e di avere posizioni ribassiste aperte e attendere per la loro chiusura, solo quando il grafico inizierà ad accelerare con una curvatura tipica del fine movimento, sino a quel momento lasceremo aperta la posizione. Infatti quello che si sta per creare potrebbe essere un violento panic selling.
Per operare su questo strumento potete utilizzare sia il future che l’Etf, anche se il derivato rimane sempre lo strumento più adatto e più efficiente.